Conservativa

Il termine indica l’obbiettivo di tali cure, cioè di conservare i denti che altrimenti andrebbero rovinati dalla carie.

conservativa

È un vero restauro dei denti cariati che inizia con l’eliminazione della carie per procedere poi alla chiusura delle cavità risultanti dall’eliminazione dello smalto e della dentina compromessi. Nel caso la carie sia solo superficiale ci si limita ad asportare lo smalto e la dentina intaccati e ad otturare il dente con materiale biocompatibile, nelle carie profonde dove è intaccata la polpa del dente e quindi è compromesso il nervo stesso, si ricorre alla devitalizzazione o cura canalare. In questo caso il dente non è più vivo, ma viene ricostruito e lasciato nella sua sede per non creare nel tempo problemi a tutta l’arcata di cui fa parte.